La Stirpe del Sole

La leggenda della “strega” Medea in chiave storica con riferimenti precisi del periodo antico.

Nata nella lontana e misteriosa Colchide, chiusa tra il Mare Oscuro e le aspre vette del Caucaso, che ha imprigionato Prometeo, Medea raccoglie le conoscenze antiche delle donne della terra del Vello d’oro. Vi andarono i Minoici per il suo oro che scende nei fiumi dello Svaneti, e per quello che nutre gli uomini, il grano; ma è terra di maghe e di streghe. Figlia del re Aieta, signore di quei luoghi, nipote di Circe e di Pasifae, madre del Minotauro, Medea conosce passione e ragione, e la trasporta l’amore per un uomo indegno. Dalla notte dei tempi le donne dipendono dalla Luna, la grande Madre, signora degli animali, eppure Medea appartiene anche alla stirpe del Sole: un dio forte e maschile. Si mescolano in lei il mondo che tramonta, dove il matriarcato le vede Regine, e quello nuovo indoeuropeo che si affaccia, dove è il patriarcato che impera. L’età del Bronzo è punto di svolta tra queste diverse società, e ogni cambiamento reca sofferenza e fatica. Euripide ci ha lasciato una Medea assassina, forse non è stato così, forse serviva che così fosse per i Greci del V secolo, ma la verità si può leggere diversamente.

18,00

44 disponibili

COD: DLE005 Categoria:

La leggenda della “strega” Medea in chiave storica con riferimenti precisi del periodo antico.

Nata nella lontana e misteriosa Colchide, chiusa tra il Mare Oscuro e le aspre vette del Caucaso, che ha imprigionato Prometeo, Medea raccoglie le conoscenze antiche delle donne della terra del Vello d’oro. Vi andarono i Minoici per il suo oro che scende nei fiumi dello Svaneti, e per quello che nutre gli uomini, il grano; ma è terra di maghe e di streghe. Figlia del re Aieta, signore di quei luoghi, nipote di Circe e di Pasifae, madre del Minotauro, Medea conosce passione e ragione, e la trasporta l’amore per un uomo indegno. Dalla notte dei tempi le donne dipendono dalla Luna, la grande Madre, signora degli animali, eppure Medea appartiene anche alla stirpe del Sole: un dio forte e maschile. Si mescolano in lei il mondo che tramonta, dove il matriarcato le vede Regine, e quello nuovo indoeuropeo che si affaccia, dove è il patriarcato che impera. L’età del Bronzo è punto di svolta tra queste diverse società, e ogni cambiamento reca sofferenza e fatica. Euripide ci ha lasciato una Medea assassina, forse non è stato così, forse serviva che così fosse per i Greci del V secolo, ma la verità si può leggere diversamente.

Peso 0.600 kg
Dimensioni 24 × 17 cm
ISBN

Storia Antica

Pagine

Lingua

Autore

Copertina

Rilegatura

Anno di pubblicazione

Casa Editrice

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La Stirpe del Sole”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *